È libero di esser trattato lalcolismo

Riconoscere l'ALCOLISMO

La codificazione da alcool in Ramenskoye il prezzo per

Buonasera, amici, eccomi a fare cio' che mai avrei voluto Io personalmente da lui ho appreso molto, ho avuto modo di lavorare sulla tolleranza, sull' umilta', sulla sincerita', tutti punti cardine del programma, ma ho anche avuto modo di comprendere quanto fosse importante imparare a sdrammatizzare situazioni che avrebbero potuto portarmi pericolosi stress Che tu possa riunirti al piu' presto al tuo Potere Superiore, caro fratello, e riposare in totale pace a nome di noi tutti.

Ciao Danilo caro e grazie per quanto mi hai insegnato. Buona capacità di giudizio, attenta scelta del momento, coraggio e prudenza: sono queste le qualità di cui avremo bisogno quando facciamo il Nono Passo.

Vi saranno quelli a cui dovremo rivolgerci non appena saremo diventati ragionevolmente sicuri di poter mantenere la nostra sobrietà. La maggior parte di noi è libero di esser trattato lalcolismo a fare certi tipi di ammende direttamente dal giorno in cui entra in Alcolisti Anonimi. Sentiamo il bisogno di giungere a casa per gridare fin dalla soglia la buona notizia.

Quasi sempre sentiamo il bisogno di andare oltre e di ammettere altri difetti che hanno reso difficile la nostra convivenza. Una buona capacità di giudizio suggerirà che è opportuno prendere tempo. Questi esempi di cattivo comportamento non sono affatto un catalogo completo dei danni che facciamo.

Supponiamo di è libero di esser trattato lalcolismo prodighi di attenzione verso un membro della famiglia e di trascurare gli altri. Quando assumiamo tratti di carattere simili a questi, in negozio, in ufficio e nei rapporti con i nostri simili, questi tratti possono provocare danno quasi tanto grande quanto quello che abbiamo causato in casa.

Non dovrebbe essere difficile cominciare subito con le persone più vicine a noi e maggiormente danneggiate. Naturalmente dovremo valutare e pesare attentamente ogni caso. Dovremo attenerci al principio di ammettere le cose che noi abbiamo fatto, perdonando nello stesso tempo i torti reali o immaginari fatti a noi. Dovremo evitare giudizi drastici tanto su noi stessi che sulle altre persone interessate.

Non dobbiamo esagerare i nostri difetti o i loro. Nostro fermo proposito sarà una visione serena ed obiettiva. Se il nostro umore è costantemente cattivo, provochiamo ira negli altri. E proprio un invito a diventare sprezzanti e vendicativi. Se la nostra condotta sessuale è egoistica, possiamo suscitare gelosia, sofferenza e un forte desiderio di ricambiare con la stessa moneta.

Primo Passo. Chi è disposto è libero di esser trattato lalcolismo ammettere una completa sconfitta? Praticamente nessuno, è ovvio. Nessun altro tipo di fallimento somiglia a questo. Una volta che si è accettata questa dura realtà, il nostro fallimento, come esseri umani, è completo.

Ma, entrando in A. Finché non si umilia in tal modo, la sua sobrietà, se ne ha in qualche grado, sarà precaria. Questa è una delle certezze della vita di A. Nella vita quotidiana siamo dipendenti dall'energia elettrica che fa funzionare i tanti nostri apparecchi, coi quali godiamo di maggiore comodità, tempo libero e sicurezza; di questa dipendenza siamo consapevoli e la accettiamo di buon grado.

Ma appena è in discussione la nostra indipendenza mentale od emotiva, ci comportiamo ben diversamente! Abbiamo il diritto di decidere da soli come pensare e come agire! Valuteremo il pro e il contro di ogni problema, ascolteremo educatamente chi ci consiglierà, ma poi decideremo noi. Questa brava filosofia, in cui ogni uomo assume il ruolo di Dio, suona bene, ma sarà anche efficace? A noi ha fatto danni, guardiamoci allo specchio e è libero di esser trattato lalcolismo le conseguenze su di noi.

Se osserviamo i non alcolisti potremo osservare i risultati che anche le persone non alcoliste stanno traendo dalla loro autosufficienza. Vediamo ovunque gente piena di rabbia e di paura, una società che si sta disfacendo in tante frazioni contendenti. Ognuno impone la sua volontà a tutti gli altri, giudicandosi presuntuosamente giusto.

E ovunque si ripete la stessa cosa a è libero di esser trattato lalcolismo individuale. Il risultato è meno pace e meno fratellanza di quanta ce ne fosse prima.

La filosofia dell'autosufficienza non paga, è una forza stritolante, porta allo sfacelo. Ciascuno di noi ha avuto il proprio scontro fatale con la forza distruttrice dell'ostinazione ed ha sofferto abbastanza sotto il suo peso da essere disposto a ricercare qualcosa di meglio.

Mettere in pratica il Terzo Passo è come aprire una porta che sembra essere chiusa a chiave. È necessaria una chiave e la determinazione di aprire la porta. La chiave è una sola e si chiama buona volontà. Per arrivare a tali conclusioni non era necessaria alcuna azione, bastava la sola accettazione. Ma il Terzo Passo e i successivi richiede è libero di esser trattato lalcolismo, è solo mediante l'azione che possiamo eliminare quell'ostinazione che ha sempre impedito a Dio o, se preferisci, un Potere Superiore di entrare nella nostra vita.

La fede è indispensabile, ma anche avendola possiamo tenere Dio fuori dalla nostra vita. Il problema è: in che modo e con quali mezzi specifici potremo farLo entrare?

Il Terzo Passo è il nostro primo tentativo. L'efficacia dell'intero Programma di A. Per chi ha un'indole pratica ed è attaccato alle cose terrene, questo Passo sembra molto difficile, o addirittura impossibile. Occorre soltanto iniziare. Girando la chiave della buona volontà riusciamo a socchiudere la porta e poi scopriamo di poterla aprire sempre di più.

La nostra ostinazione potrà richiuderla, ma saremo sempre in grado di ritrovare la chiave della buona volontà. Chi è arrivato in A. Per quanto riguarda l'alcol, ciascuno ha deciso di affidare la propria vita alla cura, protezione e guida di Alcolisti Anonimi.

Possiede già la buona volontà di cambiare le proprie idee con quelle suggerite da A. Ogni nuovo venuto realmente ben intenzionato sente davvero che A. Questo è proprio affidare la propria volontà e la propria vita a una Provvidenza appena scoperta. Se continuo ad affidare la mia vita e la mia volontà alla cura di Qualcosa o di Qualcun altro, che ne sarà di me? Questo ragionamento che cerca di assecondare l'egoismo ostacola lo sviluppo spirituale.

Il guaio è che questo modo di pensare non tiene conto dei fatti: quanto più diventiamo disposti a dipendere da un Potere Superiore, tanto più siamo realmente indipendenti.

Tale dipendenza, come la mette in pratica Alcolisti Anonimi, è un mezzo per raggiungere la vera indipendenza dello spirito.

Vi sono forme errate di dipendenza. Nessun adulto dovrebbe dipendere in maniera troppo emotiva da un genitore. Proprio questa forma di dipendenza sbagliata ha portato molti alcolisti ribelli a concludere che qualsiasi tipo di dipendenza deve essere intollerabilmente dannoso.

Ma la dipendenza da un Gruppo di A. Soldati, membri di A. Sarebbero stati capaci di sottostare alla disciplina, di resistere sotto il fuoco, di sopportare la monotonia e le miserie della guerra? La dipendenza da A. È libero di esser trattato lalcolismo perfino meno ricadute o sbornie secche dei membri rimasti al sicuro in patria e furono capaci di è libero di esser trattato lalcolismo e valore come qualunque altro soldato.

La loro dipendenza da un Potere Superiore non fu una debolezza, fu la loro principale fonte di forza. Ma come continuare ad affidare la propria volontà e la propria vita a un Potere Superiore? Si sente infelice e insicuro sulla sua recente sobrietà. Pensando al passato, rivive rimorsi e sensi di colpa. Pensando a chi ancora invidia od odia, l'amarezza lo sommerge. L'insicurezza finanziaria lo è libero di esser trattato lalcolismo. La perdita degli affetti lo affligge. Ora deve dipendere da Qualcun altro o da Qualcos'altro.

La sua vita è ancora incontrollabile e la sua sobrietà è debole poiché è appena all'inizio del Programma di A.

Con l'ammissione di alcolismo e le prime riunioni del gruppo, è ancora lontano dalla sobrietà permanente e dalla vita soddisfacente ed utile. Gli mancano gli effetti dei restanti Passi del Programma di A. Continui a sforzarsi per ottenerli e ne otterrà i benefici. Non è semplicissimo riconoscere i è libero di esser trattato lalcolismo, che durante il nostro periodo attivo abbiamo fatto! Andando a ritroso, a ritroso nel tempo, molti fatti li abbiamo rimossi, deliberatamente, sottovalutati, o dimenticati inconsciamente.

Innanzitutto abbiamo è libero di esser trattato lalcolismo noi stessi I sensi di colpa affiorano spesso nel percorso del nostro recupero, e sono difficili da debellare. Sensi di colpa nel non essere stati presenti in famiglia, di non avere svolto il nostro ruolo genitoriale, di avere danneggiato con pettegolezzi, o altro, persone che ci avevano dato la loro fiducia.

Non è un impresa da poco fare ammenda! È come è libero di esser trattato lalcolismo una gallina e recuperarne le piume che il vento ha disperso. Vi sono ammende che sono impossibili da fare - persone defunte, situazioni è libero di esser trattato lalcolismo danneggerebbero, situazioni complicate, delicate, alle quali non è opportuno rimediare. Riaprire ferite mai ben chiuse è doloroso, è un atto chirurgico che richiede molta umiltà è libero di esser trattato lalcolismo sincerità spietata, fare ammenda non è solo il dire: scusami per il mio comportamento poco corretto… Ma è la dimostrazione diretta o indiretta del nostro comportamento e la riparazione dei danni fatti in modo espressivo.

É naturale che alcuni fatti sono svaniti, ma nella maggior parte dei casi -come dicevo sopra- alcuni fatterelli ce li ricordiamo bene!

É sufficiente un foglio di carta e, alla rifusa o in modo ordinato, facciamo un elenco di queste marachelle. Imbarazzante, sgradevole, psicologicamente scomode, specialmente quando ci tornano alla mente le circostanze. Senza tenere conto che ad azione segue una reazione! Lo è libero di esser trattato lalcolismo di questo passo è libero di esser trattato lalcolismo renderci conto che danneggiando gli altri abbiamo danneggiato noi stessi.