Lappezzamento del musulmano da alcolismo

Alcolismo: uscirne è possibile

Prevenzione di shilova di dipendenza alcolica

Michel, Lappezzamento del musulmano da alcolismo. PRAGA In questi elenchi compaiono essenzialmente i nomi dei principali luoghi visitati; ma figurano anche alcuni nomi di note citt che facilitano il geo-riferimento dellitinerario. Alcuni di questi nomi, sugli itinerari pi battuti, ricorrono ripetutamente. Nei titoli appaiono le citt pi lontane raggiunte, non necessariamente le pi importanti. In qualche caso si indicano due localit citt e regioni che caratterizzano il viaggio ii.

CRETA EFESO Maria Lggau, Passo di Monte Croce luglio. RODI SIENA Presentazione 1. Prodromi In questo scritto sono raccolte le memorie dei miei viaggi degli ultimi ventanni. Ovviamente ho molto viaggiato anche prima, per motivi logistico-familiari residendo in diverse citt lontane dalla casa principale, vi si tornava pi volte allannoper studio ho trascorso lappezzamento del musulmano da alcolismo anno negli USA e poi per lavoro: ho insegnato a Trento, Trieste, Milano e Palermo, pendolando con diverse frequenze, e ho partecipato a qualche centinaia di convegni e seminari, in tutta lEuropa e anche oltreoceano.

In tutti questi casi, le esperienze turistiche erano solo incidentali e accessorie. Ho cominciato a compiere viaggi di piacere e di cultura solo quando mia figlia ha raggiunto let sufficiente per beneficiarne; circa nel Abbiamo girato per le vicine Italia centro-meridionale e Ungheria, dove abbiamo cugini stretti; e per lAustria e la Baviera, dove abbiamo luoghi importanti per la nostra famiglia.

Quando lei ha compiuto quindici anni abbiamo allargato lorizzonte; labbiamo portata a visitare lappezzamento del musulmano da alcolismo Francia, la Germania centrosettentrionale, lItalia meridionale e insulare. Fino alsono stati viaggi squisitamente di educazione; Grand tour in miniatura, resi possibili dallefficienza delle reti stradali e dellautomobile. Da quella data iniziata una nuova fase. Mia figlia ha cominciato a viaggiare per conto suo, da saccopelista; e anchio ho lappezzamento del musulmano da alcolismo a viaggiare da solo.

Per non gravare troppo sul bilancio familiare, ho deciso di passare le notti in macchina la R4 si presta a molti usi, compresa la cuccia; lavevo gi sperimentato, fin da giovane. Questa zingarata stata una esperienza entusiasmante: la simbiosi con la macchina dopo lappezzamento del musulmano da alcolismocon la Kangoolassoluta indipendenza da altri vincoli logistici alberghi, orarilintenso piacere di trovarsi alle prime luci di ogni giorno in mezzo ad un panorama diverso.

Da allora non ho potuto farne a meno, per un paio di settimane lappezzamento del musulmano da alcolismo. In 17 viaggi ho coperto gran parte dellEuropa, salvo lInghilterra, la Germania del Nord e la Scandinavia; includendovi invece la costa egea della Turchia.

Motivazioni Le motivazioni di questi viaggi sono diverse. La principale stata il mio amore per lEuropa. Fin da piccolo, per ragioni anche di storia familiare, mi sono sempre sentito identificato come lEuropa nel suo insieme; non con lappezzamento del musulmano da alcolismo Paese o Stato singolo. Semmai, ho vii. Con gli anni, ho moltiplicato ampiamente le mie preferenze. Ho viaggiato per conoscere sensorialmente questa mia patria, amandola gi prima idealmente.

E nei primi anni, ovviamente, per trasmettere questo amore a mia figlia. Una seconda ragione discende dalla mia professione. Nei primi due terzi della mia lappezzamento del musulmano da alcolismo, sono stato professore di sociologia del territorio: citt, campagna, regioni, ambiente, agricoltura. Ma anche prima, fin da piccolo, avevo una certa passione per queste cose; e c stato un momento, nella mia carriera, in cui mi fu proposto di lasciare la sociologia del territorio e passare alla geografia.

Le citt e le regioni storico-naturali mi affascinavano, come oggetto di studio; ho cominciato a collezionare citt conosciute, e come tutti sanno, quando si comincia a far collezione non ci si ferma pi. Finora ne ho raccolte circa Nellultimo terzo della carriera sono passato non per lappezzamento del musulmano da alcolismo scelta, n per forza; ma per i casi della vita ad un campo piuttosto diverso, la sociologia dellarte.

Anche prima, ovviamente, nei miei viaggi andavo a visitare chiese, palazzi, giardini, musei, castelli, monumenti ecc. Viaggiavo per aumentare la mia competenza professionale in questo campo; ma ho potuto provare piaceri anche pi intensi, nella contemplazione degli oggetti artistici, perch ora avevo anche una finalit pi precisa: il miglioramento della mia didattica. A questo scopo ho anche organizzato e guidato otto viaggi distruzione dal dalognuna di una settimana, portando complessivamente circa studenti darte a visitare la Provenza, la Baviera la Grecia, lUngheria, Barcellona, la Renania, lAustria e Monacoi.

In questo quadro, i miei viaggi solitari erano intesi anche come preparazione di viaggi con gli studenti. Purtroppo questa mia stagione di gloria durata poco, ii; finita per ragioni indipendenti dalla mia volontiii. Lattenzione a questi elementi citt, paesaggi, oggetti storico-artistici - ovviamente mi ha costretto a trascurare altri aspetti della vita turistica e noncome gli usi e costumi dei lappezzamento del musulmano da alcolismo osservazioni etnologiche, interazioni con gli indigenila gastronomia, ecc.

Ho parlato pochissimo, e mi sono concesso molto raramente i piaceri della tavola, la sera. Per me, lalimentazione stata solo una necessit da sbrigare il pi rapidamente possibile; esattamente come la benzina per lauto, e spesso negli stessi luoghi le stazioni di servizio. Solo al terzo e ultimo posto, tra le motivazioni, v il lappezzamento del musulmano da alcolismo di staccare.

Il mio lappezzamento del musulmano da alcolismo mi soddisfa molto, e abito in un ambiente che, lappezzamento del musulmano da alcolismo tre stagioni su quattro, piuttosto gradevole. Non sento la spinta ad andarmene, a cercare compensi rispetto alla vita normale. Siccome per qualche anno ho insegnato anche Storia dei giardini, ho guidato letteralmente anche due minigruppi di studenti in pullmino a visitare giardini dellInsubria e del Lazio. Anche queste esperienze sono state narrate e pubblicate: R.

Strassoldo, Per le regioni dEuropa. Nel titolo, la parola per vuole significare sia andare in giro sia a favore di. Luso della parola regione vuol sottolineare che loggetto di visita non sono singole citt, come di solito avviene nelle gite scolastiche, ma interi territori, con i loro paesaggi, cio la fusione di natura, storia e cultura.

Quel Quaderno ha un organizzazione un po complessa, comprensiva anche di resoconti amministrativi e di fotografie. Avevo intenzione di inserirlo nel presente documento, ma purtroppo non ho ritrovato il file.

Tra le cause ipotizzo la diminuzione e poi cessazione dei fondi della Facolt a sostegno dei viaggi, il grave calo degli studenti di materie artistiche, e forse laumento dei costi per il mantenimento dei figli allUniversit a fronte la stagnazione delleconomia generale. Lappezzamento del musulmano da alcolismo mio caso prevalgono i fattori di attrazione verso posti diversi dalla quotidianit. Staccare, almeno una volta allanno, dagli impegni famigliari e professionali, molto piacevole.

La vacanza veramente un momento di ricreazione; nel senso etimologico di queste parole. La registrazione delle esperienze: lappezzamento del musulmano da alcolismo e scrivere Molti fanno turismo in Italia e Francia, circa la met della popolazione; molto pi in Germania e nei paesi attorno al Mare del Nord e Balticoe quasi tutti fanno fotografie o piccoli video, per immortalare le esperienze provate e condividerle con amici e parenti.

Come noto, la fotografia una componente essenziale del turismo nellultimo secolo. Ma ci sono anche quelli non tanti, ma in numeri non trascurabili - che fissano le esperienze con la scrittura. I diari di viaggio sono un filone lappezzamento del musulmano da alcolismo di letteratura. Io ho cominciato a farlo per una ragione molto pratica: risparmiare ai miei famigliari la noia di sentirmi raccontare a voce.

Mi sembrava pi gentile ed efficiente farlo per iscritto; anche perch ho avuto sempre una certa lappezzamento del musulmano da alcolismo con la penna e poi la tastiera. La relazione scritta si lascia iniziare e interrompere, prendere o lasciar cadere, saltare di qua e di l secondo il piacimento del lettore.

C anche un piacere per chi scrive: la possibilit di rileggere, ricordare e rivivere le esperienze provate, la vita passata. In questo senso, i diari di viaggio hanno la stessa funzione delle fotografie. Quando viaggiavo con la famiglia, anchio facevo fotografie. Ho smesso quando ho cominciato a viaggiare da solo, per diversi motiviiv. Ho ripreso solo negli ultimi anni, quando ho trovato un modo per limitare la tendenza alla bulimia fotografica.

Questo limita drasticamente le occasioni per farlo. Fino a pochi anni fa, queste mie relazioni scritte sono state distribuite a piccole cerchie di parenti, amici ed estimatori. Non sono propriamente pubblicate e non hanno un carattere letterario. Nelle mie intenzioni, questi racconti sono essenzialmente sostituti di album di fotografie o delle tragiche sedute che si facevano una volta, quando si invitavano amici e parenti a vedere le diapositive.

Distribuire relazioni scritte molto economico, e corredarle con immagini comporterebbe costi eccessive se si aspira ad un adeguata qualit di stampa. Comunicare con parole le cose viste solo un povero surrogato delle immagini; ma permette di inserirle nel flusso degli eventi, cio nella narrazione del vissuto, e aggiungere anche commenti e riflessioni. In queste relazioni mi sono sforzato soprattutto di descrivere i luoghi visti, ma inevitabilmente ho espresso anche pensieri.

Mi pare che queste parti pi soggettive iv Una ragione che secondo me le fotografie di viaggio hanno senso solo se a ritraggono anche i famigliari; b si vuole farne opere darte, personalizzandole con gusti estetici e competenze tecniche. Altrimenti, meglio comperare cartoline, opuscoli e lappezzamento del musulmano da alcolismo, in cui le cose notevoli sono fotografate da professionisti, con risultati mediamente molto migliori di quello che fanno lappezzamento del musulmano da alcolismo turisti dilettanti e frettolosi.

Ma se si vuole ottenere fotografie di qualit, bisogna investirvi tempo e fatiche, distraendole dal piacere di esperire direttamente le cose e gli ambienti.

Guardare le cose solo attraverso il mirino della macchina un deviazione dallesperienza turistica. Non facile neanche fermare lauto nei punti paesaggisticamente migliori, lungo le strade extraurbane.

Ci avvenuto perch dal mi sono state affidate anche le lezioni di Sociologia del turismo, nellambito del Corso di laurea di Teoria e tecnica di turismo culturale, e quindi ho scritto non solo per amici e parenti, ma anche lappezzamento del musulmano da alcolismo i miei studenti.

Potrebbero impare qualcosa su cosa fanno i turisti in giro per lEuropa. Inoltre, in tale corso si lappezzamento del musulmano da alcolismo anche la Letteratura di viaggio, e ho pensato che avrebbe senso offrire agli studenti un esempio - tra i molti altri possibili di come si pu raccontare le proprie esperienze turistiche.

Il primo viaggio narrato stato quello a Santiago, e la decisione di scriverlo stata presa solo a posteriori. In seguito ho cominciato a tenere diari: alla sera notavo su carta quello che ho visto e le mie reazioni intellettuali ed emotive.

Poiper un paio di anni, ho dettato anche pensierini in tempo reale a un registratore magnetico. Utilizzavo questo materiale nella stesura della relazione, nel tempo libero, a qualche mese dal ritorno.

Ma dopo qualche anno mi parso che questi ausili tecnici non fossero necessari. Quando mi mettevo a scrivere, tutto immagini e relative emozioni e riflessioni mi tornava in mente, in modo ancora pi vivido e preciso di quanto riscontravo sugli appunti, cartacei o digitali.

Credo di aver constatato che il nostro apparato biologico - la memoria - molto pi ricco ed efficiente di quello tecnologico. Le relazioni sui primi viaggisono state redatte, in occasione della pubblicazione della prima raccolta, nel vi.

Pare che la memoria funzioni abbastanza bene, anche a diversi anni di distanza dalle esperienze vissute. Qualche mio amico-lettore si meraviglia della precisione con cui ricordo quello che ho visto; ma non credo sia affatto unanomalia. E dovuta al fatto che viaggio da solo, e non sono distratto n da conversazioni con i passeggeri, n dalla loro stessa presenza, e neanche da altre voci o suoni non accendo quasi mai la radio, n sento musica.

La mia attenzione tutta concentrata su quello che vedo a cominciare, per fortuna, anche sulla strada e al traffico.